05 gennaio 2017

Alimenti integrali

..prendiamo d'esempio i cereali...esistono due modi principali per mangiarli, crudi dopo averli germogliati, altrimenti cotti con il seme intero oppure trasformati in farina e in quei prodotti come pane, pasta ecc. In tutti i casi il cereale migliore e da preferire è quello integrale e il più vicino possibile alla forma col quale ci viene donato da Madre Terra. Qualsiasi procedimento di raffinazione più o meno intenso è da considerarsi un impoverimento del seme compromettendo sia l'apporto di nutrienti che esso ci può dare sia la corretta transizione digestiva nel nostro organismo. Un cereale impoverito delle sue vitamine, dei suoi sali minerali e delle sue fibre diventa molto pericoloso per la nostra salute. Allo stesso tempo è da preferire l'assunzione a crudo di questi semi in quanto si preserva anche la loro energia vitale, infatti anche la cottura è un impoverire il valore di un certo alimento. L'assunzione dei germogli lascia inalterata la forza vitale e gli enzimi che aiutano a digerire l'alimento senza che ci faccia perdere energia durante il processo digestivo. Un cereale cotto integrale resta comunque da preferire a quello cotto e raffinato in quanto preserva maggiormente la presenza e l'assimilazione delle vitamine e dei sali minerali. La regola principale è quella di manipolare il meno possibile il cibo, trasformarlo il meno possibile, impoverirlo il meno possibile, contaminarlo il meno possibile (meglio l'agricoltura biologica, biodinamica ecc...).

0 commenti:

 
Creative Commons License
Drawings & Writings by Daniele Bertoni is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work of the author .
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.lookadream.com .